Rivelazioni

“Tu!”

Davon rimase stupito di trovarsi di fronte Macchia, il ragazzo che una settimana prima aveva cercato di ucciderlo credendolo ancora affiliato all’Ordine. Lo stesso ragazzo che ora, ben lontani da Aegeryl, li aveva attaccati in piena notte, e stava di fronte al suo amico Gyarix armato di spada.

“Questa scena mi sembra di averla già vista… posa la spada, dai.”
“No.”
“Non mi obbligare a usare la magia…”

A queste parole, la fermezza del ragazzo parve vacillare un poco, probabilmente a causa del ricordo ancora vivido nella sua mente, di quanto era accaduto la settimana precedente tra Davon e i due sicari.

“Quest uomo…”
“Quest uomo è un mio amico, e mi ha salvato la vita.”

Macchia parve riflettere tra sè e sè, e apparve un poco titubante.

“Ma lui”
“Niente ma, posa la spada. O te la vedrai con me.”

Sospirando, abbassò il braccio armato. Nello stesso istante Gyarix si protese fulmineo verso di lui, disarmandolo e puntandogli la sua stessa spada alla gola.

“Gyarix! Ma che fai???”
“Mi pare ovvio. Ha cercato di uccidere tutti e due… lo elimino prima che ci riprovi una terza volta, magari con più fortuna.”

Fece per affondare la spada nel nudo collo del ladruncolo, ma questa incontrò la resistenza di uno scudo magico. Sorpreso, Gyarix si voltò verso Davon.

“Perchè lo proteggi?”
“Non lo so, ma non voglio che tu lo uccida.”
“Ma perchè?”
“Almeno prima sentiamo come mai ci ha attaccati…”
“Per farci raggirare dalle sue menzogne? Smettila di comportarti come un bambino!”

Davon strinse i pugni, fissando torvo Gyarix. Non gli si era mai rivolto così, nemmeno quando durante la fuga si era rifiutato di usare la propria magia per agevolare il loro viaggio.

“Davon, non ascoltarlo!”

Adesso a parlare era stato Macchia, che fissava implorante il volto del mago.

“Hai paura della verità, moccioso?”
“Io no, ma magari te si, mago.”

Un’espressione di comprensione passò sul volto di Davon.

“Macchia, ti sbagli. Non è un mago dell’Ordine.”
“L’ho visto con i miei stessi occhi.”
“Senti, è un mercante, ed ha imparato qualche incantesimo nel corso dei suoi viaggi. Ma non è un mago.”
“Ah, è così? Probabilmente allora, quando è andato a cercare l’acqua stava parlando da solo come un pazzo, e non dialogando con qualcuno che non si poteva vedere.”

A queste parole, sul volto dei due compagni di viaggio comparve lo stupore.

“Ci pedinavi?”
“Ma di che stai parlando?”

Ignorando le loro domande, Macchia continuò nel suo discorso.

“E sarà anche un caso che la sua voce sia identica a quella del mago che anni fa ha massacrato i ladri di Aegeryl, pagato dalla nobiltà…”

Gyarix scoppiò a ridere, a queste parole.

“Ragazzo, sei patetico. Solo perchè la mia voce ti ricorda quella di un mago che hai conosciuto anni fa, pensi che io sia lui? E cerchi di uccidermi per questo?”

scuotendo il capo, si rivolse a Davon.

“Davon, non possiamo lasciarlo così. Lo capisici, vero? Potrebbe uccidere chiunque sospetti anche solo minimamente di essere un mago.. è pazzo.”
“Ah si? E prima, quando parlavi da solo?”
“Stavo ragionando ad alta voce…”
“Quando ragioni ad alta voce, fingi di parlare con un certo Maestro Muneyr?”

La domanda di Macchia raggelò l’atmosfera. Gyarix spostò lo sguardo da lui a Davon, che immediatamente indietreggiò erigendo una barriera davanti a sè.

“Davon…”
“Maestro Muneyr?”
“Avrà sentito quel nome da qualche parte, e”
“Oh, certo. Il nome dell’Anziano Muneyr è conosciuto da tutti, vero? Peccato che fuori dalla Fortezza sia noto solo come l’Anziano Nero.”
“Allora sarà un sicario dell’Ordine.”
“…Ordine che ha tentato di ucciderlo.”

Gyarix fissò Davon con un’espressione ferita.

“Non ti fidi di me? Dopo tutto quello che abbiamo passato?”
“Non so più che pensare, di te… Maestro Muney?”
“Senti, non so che”

Rapidissimo, Davon cominciò a gesticolare e a mormorare qualche parola. Terminato l’incantesimo, fissò deciso Macchia, ed annuì lievemente. Portò poi lo sguardo su Gyarix, e rimase completamente spiazzato.

“Uno schermo mentale!”

L’uomo non rispose, rabbuiandosi però in volto.

“Macchia crede in tutto ciò che mi ha detto, l’ho letto nella sua mente. Ma te… te sei protetto da questo incantesimo! Allora è vero!”

Gyarix sospirò, sorridendo tristemente.

“Alla fine sono stato scoperto, peccato. Avrei dovuto uccidere questo microbo quando l’ho visto la prima volta, ma pensavo mi sarebbe tornato utile in qualche modo. Dovrò tornare alla Fortezza per riferire il mio fallimento.”

Davon lo fissava sbalordito, incapace perfino di farsi travolgere dall’ira come avrebbe desiderato.

“Ma… perchè?”
“Perchè? Perchè sei solo un esperimento del Maestro, e per studiardi bisognava metterti in una situazione di stress, e lasciarti libero. Ho ucciso un servo dell’Ordine rendendoti, per loro, un assassino. Ti ho fatto fuggire, e ho seminato traccie per farti arrivare addosso i sicari. Dovevo studiare la tua reazione, e quella del tuo braccio, ma questa vipera ti ha allontanato dalla locanda, e non ti ho trovato in tempo per osservarti. Peccato.”

Davon cadde in ginocchio, sconvolto.

“Non temere, altri sicari arriveranno ugualmente. Ed altri osservatori. Chissà, prima o poi ci incontreremo di nuovo… magari quando finalmente potrò ricevere l’ordine di ucciderti. Sai, ti ho disprezzato dal primo giorno che ti ho conosciuto.”

Detto ciò, Gyarix mormorò qualcosa e scomparve nel nulla, lasciando Davon con lo spirito a pezzi, da solo assieme al ladruncolo.

Annunci

3 Risposte to “Rivelazioni”

  1. coubert Says:

    Oggi razione doppia, eh eh eh!

    Ma è solo per compensare il fatto che domani non sarei riuscito a postare, visto che partirò alle cinque di mattina per rientrare solo verso le dieci di sera. Destinazione, la fiera del libro di Torino.

    Quindi domani niente episodio (l’ho postato ora), ma domenica in compenso arriverà il cinquantesimo episodio. Un episodio particolare, con la presentazione di un nuovo personaggio che ci rivelerà qualcosa relativo al passato di un altro personaggio… a domenica!

  2. Vuoi dire che eri a Torino mentre c’ero anche io??? 😮
    Non sono stato alla fiera del libro, quanto a festeggiare il compleanno di una mia amica… ed alle 6 di mattina ho postato l’episodio di Midda per andarci! 😀

    Domani cinquantesimo episodio???? 😀 grandioso!!!

    Però non me lo aspettavo assolutamente il tradimento di Gyarix… 😦

  3. Però, prima il dovere e poi le gite a Torino, eh? 😆

    Per Gyarix, posso addurre a mia discolpa solo il fatto che fosse una cosa premeditata, decisa da prima della sua comparsa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: