Secondo round

I due maghi dell’Ordine avanzarono lentamente verso il giovane ladruncolo, scavalcando con fare sdegnoso il corpo riverso a terra di Davon.
Il ragazzo, che ancora stringeva convulsamente tra le mani la spada, aveva ormai smesso di tremare. Stava per morire, certo, questo era chiaro. Ma non aveva paura, non più.
Sapeva che sarebbe successo, fin da quando aveva cominciato a pensare di vendicare i suoi amici uccisi da quel mago.

“Non mi fate paura!”
“Dalla tua espressione non si direbbe mica…”

Si sforzò di rimanere saldo, ed attese che i due, spavaldi, gli si avvicinassero ulteriormente. Quindi si lanciò contro di loro, sollevando goffamente l’arma. Un patetico tentativo di dare un senso alla propria morte, magari riuscendo a ferire o a uccidere con quell’unico colpo uno dei suoi avversari.

Ridendo, i due sollevarono le mani erigendo tra loro e il ragazzo un muro invisibile che gl iimpedì di avanzare. Poi, con un altra torsione del polso, uno di loro scaraventò il ragazzo nuovamente contro il muro, facendogli perdere la presa sulla spada.

“Non sei molto capace negli attacchi, vero? Vediamo come te la cavi a scappare…”

Puntatogli contro un braccio, l’uomo scagliò un raggio rossastro contro il ragazzo. Raggio che però, a pochi millimetri dal suo corpo, si infranse contro una barriera invisibile e si dissolse.

“Toh, una barriera magica… deve averla eretta Davon prima di attaccarci.”
“Si, ma non dovrebbe essere ancora attiva.”
“Voi dite?”

I due trasalirono, e si voltarono all’unisono. Dietro di loro, in piedi ed apparentemente illeso, stava Davon.
Solo i suoi vestiti, un po’ bruciacchiati, recavano traccia del terribile colpo subito poco prima. Quelli e il braccio sinistro, con il quale aveva assorbito il grosso dell’attacco.
Il braccio era adesso colorato di uno strano rosso scuro, e ricoperto di piaghe.

“Microbo, te fila via. Adesso inizia il divertimento, e se resti nelle vicinanze morirai. Non che mi importi qualcosa, ma poi dovrei sopportare tutte quelle lamentele e piagnistei… vattene!”

La sua voce era strana, molto più roca di prima. Il ladruncolo lo fissò allibito, quindi ubbidì prontamente al suo comando e scattò verso di lui, intenzionato a superarlo per uscire dal vicolo.

“Non così in fretta…”

Uno dei due maghi provò ad afferrarlo, ma lui si divincolò passando sotto la sua mano protesa. L’altro decise di andarci giù pesante, e gli scagliò contro un altro raggio rossastro, anche questo però si dissolse sulla barriera eretta da Davon.
Questi non attese nemmeno che il ragazzo fosse scomparso oltre l’imbocco del vicolo, per avvicinarsi ai due maghi.

“E ora a noi. Per quel che può contare, sono innocente. Ma dubito accetterete la mia parola e ve ne andrete…”
“Esatto. Ma anche se fosse vero, non ci importerebbe. I nostri ordini sono di catturarti e riportarti indietro. Vivo, se possibile. Altrimenti nessuno piangerà troppo la tua morte anticipata di qualche giorno. Scegli te, tanto ormai sei finito.”
“Oh, davvero?”

A queste parole Davon scoppiò in una fragorosa risata, che ottenne di irritare tremendamente i due sicari.

“Presuntuoso! Pensi forse di essere all’altezza di noi due?”
“Alla vostra altezza? Spererei bene di esservi superiore, siete solo dei miserabili servitori. E’ vero che ho solo cominciato ad accumulare potere, e che mi sarebbe servito altro tempo… se mi aveste trovato prima, forse vi sareste potuti salvare. Ma ormai sono abbastanza potente da potermi divertire con voi.”

Solo ora i due maghi notarono che l’occhio sinistro di Davon era diventato giallo, e non erano in grado di ricordare se lo fosse anche prima, o se fosse una cosa più recente.
Comunque fosse, la cosa non li riguardava. Muovendosi con perfetto sincornismo, cominciarono a lanciare a raffica un’infinità di sfere infuocate, tutte dirette contro Davon.

Ridendo, Davon allungò il braccio sinsitro verso la prima sfera, aprendo la mano ad accoglierla.
La sfera impattò contro la mano, e lentamente si spense.
Quindi cominciò a muovere il braccio da destra a sinistra, come se stesse scacciando delle fastidiose mosche. Con quei movimenti oscillatori colpì tutte le sfere lancitegli contro, e le deviò contro i muri fatiscenti delle abitazioni che si affacciavano sul vicolo.
Abitazioni abbandonate da tempo, fortunatamente, ed in pietra.

I sicari, ora visibilmente impauriti, indietreggiarono lievemente.

“Tutto qua ciò che sapete fare? Ora vi mostrerò io cosa è il vero potere…”

Il ladruncolo stava respirando affannosamente, a diverse centinaia di metri dal vicolo.

La strada era ormai deserta, quando lo scontro era cominciato tutta la gente nei dintorni si era prudentemente dileguata, essendo ancora vivo nelle loro menti il ricordo delle azioni compiute dall’ultimo mago che aveva utilizzato la magia nella loro città.
Dal vicolo vide provenire baglliori e luci intense, sentì frastuoni ed esplosioni… finchè ogni rumore non fu sovrastato da grida terrorizzate.
Le grida erano spaventose, ma fu ancora più spaventoso il silenzio di tomba che seguì. Un silenzio assoluto, totale.

Tremante, si alzò in piedi, incerto sul da farsi. Doveva fuggire, lo sapeva bene… se i due sicari avevano vinto lo scontro, lo avrebbero cercato per ucciderlo.
Se invece però avesse vinto il giovane mago… beh, anche lui avrebbe potuto volerlo uccidere. Ma gli aveva salvato la vita, non poteva dimenticarlo. Aveva rischiato in prima persona per proteggerlo.

Dandosi dell’idiota e maledicendo la propria curiosità, cominciò a muoversi verso il vicolo senza produrre alcun suono.

Annunci

4 Risposte to “Secondo round”

  1. Uh… oh… ma che diavolo è successo a Davon?? 😮

  2. coubert Says:

    Eh, chissà… in settimana forse se ne saprà qualcosina di più 😉

  3. Sismico Says:

    Uhm… Sa di già letto… Eheh… 😉

    Tutto ciò dà ancora più un senso ai miei presentimenti.

  4. Mi conosci troppo bene, te :asd:

    E vedrai chi ti tiro fuori dal cilindro per il cinquantesimo episodio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: